4 Domenica di Avvento 2023

24 DICEMBRE, 2023

β€œπΆπ‘œπ‘ π‘‘π‘–π‘‘π‘’π‘–π‘‘π‘œ πΉπ‘–π‘”π‘™π‘–π‘œ 𝑑𝑖 π·π‘–π‘œ π‘π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Žβ€
(Lettera di san Paolo ai Romani 1, 4)
Il tempo di preparazione al Natale di GesΓΉ giunge oggi a compimento.
Ma chi Γ¨ il GesΓΉ che ci accingiamo a festeggiare?
Ci istruisce l’apostolo Paolo: 𝑒̀ 𝑖𝑙 πΉπ‘–π‘”π‘™π‘–π‘œ 𝑑𝑖 π·π‘–π‘œ π‘π‘œπ‘ π‘‘π‘–π‘‘π‘’π‘–π‘‘π‘œ π‘π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž.
Ha scritto lo psicanalista tedesco π„π«π’πœπ‘ 𝐅𝐫𝐨𝐦𝐦:
β€œπ·π‘Žπ‘Ÿπ‘’ 𝑒̀ π‘™π‘Ž 𝑝𝑖𝑒̀ π‘Žπ‘™π‘‘π‘Ž π‘’π‘ π‘π‘Ÿπ‘’π‘ π‘ π‘–π‘œπ‘›π‘’ 𝑑𝑖 π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž. π‘π‘’π‘™π‘™π‘œ π‘ π‘‘π‘’π‘ π‘ π‘œ π‘Žπ‘‘π‘‘π‘œ 𝑑𝑖 π‘‘π‘Žπ‘Ÿπ‘’, π‘–π‘œ π‘π‘Ÿπ‘œπ‘£π‘œ π‘™π‘Ž π‘šπ‘–π‘Ž π‘“π‘œπ‘Ÿπ‘§π‘Ž, π‘™π‘Ž π‘šπ‘–π‘Ž π‘Ÿπ‘–π‘π‘β„Žπ‘’π‘§π‘§π‘Ž, 𝑖𝑙 π‘šπ‘–π‘œ π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘Ÿπ‘’. π‘„π‘’π‘’π‘ π‘‘π‘Ž π‘ π‘’π‘›π‘ π‘Žπ‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ 𝑑𝑖 π‘£π‘–π‘‘π‘Žπ‘™π‘–π‘‘π‘ŽΜ€ 𝑒 𝑑𝑖 π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž π‘šπ‘– π‘Ÿπ‘–π‘’π‘šπ‘π‘–π‘’ 𝑑𝑖 π‘”π‘–π‘œπ‘–π‘Ž. 𝑀𝑖 π‘ π‘’π‘›π‘‘π‘œ π‘‘π‘Ÿπ‘Žπ‘π‘œπ‘π‘π‘Žπ‘›π‘‘π‘’ 𝑑𝑖 π‘£π‘–π‘‘π‘Ž 𝑒 𝑑𝑖 π‘“π‘’π‘™π‘–π‘π‘–π‘‘π‘ŽΜ€. π·π‘Žπ‘Ÿπ‘’ π‘‘π‘ŽΜ€ 𝑝𝑖𝑒̀ π‘”π‘–π‘œπ‘–π‘Ž π‘β„Žπ‘’ π‘Ÿπ‘–π‘π‘’π‘£π‘’π‘Ÿπ‘’, π‘›π‘œπ‘› π‘π‘’π‘Ÿπ‘β„Žπ‘’Μ 𝑒̀ π‘π‘Ÿπ‘–π‘£π‘Žπ‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’, π‘šπ‘Ž π‘π‘’π‘Ÿπ‘β„Žπ‘’Μ 𝑖𝑛 π‘žπ‘’π‘’π‘™π‘™’π‘Žπ‘‘π‘‘π‘œ π‘šπ‘– π‘ π‘’π‘›π‘‘π‘œ π‘£π‘–π‘£π‘œβ€ (in β€œL’arte di amare”).
Con queste parole possiamo spiegare l’espressione β€œpotenza” associata alla β€œvita”: potenza di vita, di vita che si fa dono.
Un’esegesi del vero β€œpotere” esercitato dal Figlio di Dio sulla terra, che il Suo Natale, ogni anno, attualizza e richiama: Γ¨ potente non chi si risparmia, non chi aumenta, ma chi diminuisce, chi β€œdΓ  la vita”.
C’è potenza Γ¨ potenza. Quella di GesΓΉ:
– non Γ¨ potenza di sopraffazione ma di sottomissione;
– non Γ¨ potenza di distruzione ma di creazione;
– non Γ¨ potenza di separazione ma di condivisione;
– non Γ¨ potenza di volgaritΓ  ma di rispetto;
– non Γ¨ potenza di successi ma di servizio;
– non Γ¨ potenza di giudizio ma di riconciliazione;
– non Γ¨ potenza di fuoco ma di incenso;
– non Γ¨ potenza di armi ma di pace;
– non Γ¨ potenza di sfiducia ma di preghiera;
– non Γ¨ potenza di parole ma di Parola;
– non Γ¨ potenza di immortalitΓ  terrena ma di eternitΓ .
πΆπ‘œπ‘ π‘‘π‘–π‘‘π‘’π‘–π‘‘π‘œ π‘π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž.
Dunque, apparso nell’ordine umano, GesΓΉ viene a ribaltare e a riscrivere le categorie del vivere: o si Γ¨ β€œpotenti” alla Sua maniera o si Γ¨ dei falliti!
π‘π‘Žπ‘‘π‘Žπ‘™π‘’ 𝑑𝑖 𝐺𝑒𝑠𝑒̀:
– nasce per dare la vita;
– muore per dare la vita eterna;
– vive per insegnarci a vivere una vita nuova;
– ritorna per dare a tutti una nuova occasione di vita buona;
– ritornerΓ , non piΓΉ dalla terra, ma dal Cielo, per giudicare i vivi e i morti.
Questa Γ¨ la nostra fede, il nostro Vangelo potente: GesΓΉ.
Afferma san Paolo: β€œπΌπ‘œ, π‘–π‘›π‘“π‘Žπ‘‘π‘‘π‘–, π‘›π‘œπ‘› π‘šπ‘– π‘£π‘’π‘Ÿπ‘”π‘œπ‘”π‘›π‘œ 𝑑𝑒𝑙 π‘‰π‘Žπ‘›π‘”π‘’π‘™π‘œ, π‘π‘’π‘Ÿπ‘β„Žπ‘’Μ 𝑒̀ π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž 𝑑𝑖 π·π‘–π‘œ π‘π‘’π‘Ÿ π‘™π‘Ž π‘ π‘Žπ‘™π‘£π‘’π‘§π‘§π‘Ž 𝑑𝑖 π‘β„Žπ‘–π‘’π‘›π‘žπ‘’π‘’ π‘π‘Ÿπ‘’π‘‘π‘’β€ (π‘…π‘š 1, 16).
Accendiamo l’ultima delle 4 candele della πΆπ‘œπ‘Ÿπ‘œπ‘›π‘Ž π‘‘β€™π΄π‘£π‘£π‘’π‘›π‘‘π‘œ, quella che la tradizione chiama 𝑑𝑒𝑔𝑙𝑖 𝐴𝑛𝑔𝑒𝑙𝑖, i primi ad annunciare al mondo la nascita del Messia e a vegliare dinanzi al Signore GesΓΉ, nella grotta di Betlemme.
Anche noi, come gli Angeli, siamo destinati a contemplare e a cantare la gloria di Dio, la venuta del Suo Regno.
β€œπΌπ‘™ π‘Ÿπ‘’π‘”π‘›π‘œ 𝑑𝑖 π·π‘–π‘œ, π‘–π‘›π‘“π‘Žπ‘‘π‘‘π‘–, π‘›π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘›π‘ π‘–π‘ π‘‘π‘’ 𝑖𝑛 π‘π‘Žπ‘Ÿπ‘œπ‘™π‘’, π‘šπ‘Ž 𝑖𝑛 π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Žβ€ (1 πΆπ‘œπ‘Ÿ 4, 20).
E allora: auguri β€œpotenti”, perchΓ© Γ¨ nella β€œpotenza di Dio” che il Natale di GesΓΉ diviene e noi diveniamo in Lui!
Buon Natale di GesΓΉ, πΉπ‘–π‘”π‘™π‘–π‘œ 𝑑𝑖 π·π‘–π‘œ π‘π‘œπ‘› π‘π‘œπ‘‘π‘’π‘›π‘§π‘Ž!

Altri Articoli

Share This