46^ Conferenza Nazionale Animatori del RnS

7 DICEMBRE, 2022

Dal 9 all’11 dicembre attesi al Palacongressi di Rimini oltre 4.000 partecipanti per la 46 Conferenza Nazionale Animatori del RnS

Contestualmente, si concluderà il Giubileo dOro con la speciale Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. mons. Giuseppe Baturi, Segretario Generale della CEI e Arcivescovo di Cagliari

Sono oltre 4.000 i partecipanti che, provenienti da oltre mille Cenacoli, Gruppi e Comunità del Rinnovamento nello Spirito Santo, da ogni parte d’Italia, Svizzera, Germania, Francia e Moldova prenderanno parte alla 46^ Conferenza Nazionale Animatori, in programma da venerdì 9 a domenica 11 dicembre 2022 al Palacongressi di Rimini sul tema “Mi ami tu?” (cf Gv 21, 16).

Un ritorno in presenza post pandemia, dunque, nel tradizionale luogo che fin dalle origini ha ospitato i raduni fraterni del Movimento, con cui terminano il quadriennio di servizio pastorale 2019-2022 e lo speciale Giubileo d’Oro, inaugurato il 26 novembre 2021 a Roma, presso la Basilica Papale di Santa Maria Maggiore.

In questo particolare contesto, quindi, autorizzato della Penitenzieria Apostolica, sabato 10 dicembre troverà il suo epilogo comunitario ed ecclesiale l’Anno giubilare, con una speciale Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Giuseppe Baturi, Segretario Generale della CEI e Arcivescovo di Cagliari.

La 46^ Conferenza Nazionale Animatori si aprirà nel pomeriggio del 9 dicembre con una prima sessione che prevede una presentazione a cura di Mario Landi, Coordinatore nazionale del RnS, e una Relazione d’apertura sul tema: «Mi ami tu?» (Gv 21, 16), tenuta da S. E. Mons. Francesco Lambiasi, Amministratore apostolico della Diocesi di Rimini. Quindi, la Mistagogia del “fuoco d’amore” e il Roveto Ardente di adorazione guidato da don Michele Leone, Consigliere Spirituale nazionale del RnS.

Nella sessione mattutina del 10 dicembre è in programma la Sintesi del cammino quadriennale 2019 – 2022 sul tema «Noi ti rendiamo grazie, o Dio… raccontiamo le tue meraviglie» (Sal 75, 2), che avrà come Relatori: Salvatore Martinez, Presidente nazionale del RnS, Mario Landi e Amabile Guzzo, Direttore nazionale del RnS. Seguiranno le testimonianze nell’anno del Giubileo d’Oro.

Nel pomeriggio, la presentazione del Documento «Mi ami tu?» (Gv 21, 16), in preparazione dei rinnovi degli Organismi pastorali di servizio per il Quadriennio 2023 – 2026. Relazionano i membri del CNS: Carmela Romano, Rosario Sollazzo e Marcella Reni. Dopo la condivisione assembleare, sono previsti l’intervento e la Celebrazione Eucaristica di chiusura del Giubileo d’Oro del Rinnovamento in Italia presieduta dal Segretario Generale della CEI.

Domenica 11 dicembre, la tre giorni terminerà con la presentazione del Calendario 2023, a cura di Amabile Guzzo, e con la Relazione conclusiva e di fine mandato di Salvatore Martinez, dal titolo: «Mi vuoi bene?… Pasci le mie pecore» (cf Gv 21, 17), tenuta come di consueto da Salvatore Martinez. Dopo la realizzazione “Patto d’Amore per il RnS”, la Santa Messa di chiusura sarà presieduta da S. Em. Card. Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze.

«Saremo numerosissimi alla 46^ Conferenza Nazionale Animatori – ha dichiarato il Presidente nazionale del RnS -, con grandi attese nel cuore, per vivere insieme una pagina storica del cammino del nostro Movimento, alla chuusura del Giubileo d’Oro del Rinnovamento in Italia e alla vigilia della chiusura del nostro mandato di servizio 2019- 2022 e delle importanti novita che segneranno il futuro del Rinnovamento nello Spirito. Sara una benedizione grande rinnovare la nostra fiducia e sottomissione allo Spirito Santo per rispondere, personalmente e comunitariamente, alla domanda di Gesu: «Mi ami tu?» (cf Gv 21, 16). La risposta richiesta è gia adesione vitale alla chiamata a servire Dio e gli uomini; risposta tanto piu vera quanto piu viva è l’effusione dello Spirito nei nostri cuori. Senza lo Spirito che si muove tutto rimarra confuso, indistinto, approssimativo, improduttivo. Papa Francesco, recentemente, proprio commentando questo verso evangelico che dara fondamento profetico alla nostra Conferenza, ha legato il bisogno della Chiesa di “tornare ad amare” alla necessita di “ritornare al Concilio”. Esso rappresenta per noi, ancora oggi dopo 50 anni di cammino, la fonte sorgiva del cammino di Rinnovamento. Noi crediamo che il tempo della Chiesa sia il tempo dello Spirito, dei suoi carismi e ministeri, dei segni e delle meraviglie della Pentecoste, che accadono quando si persevera uniti e riuniti nel nome di Gesù».

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti consultare il Sito

Titolo del paragrafo/citazione (se è una citazione metterla in corsivo)
Paragrafo
Altri Articoli
Share This