Indi Gregory Γ¨ morta, perchΓ© non doveva piΓΉ vivere!

13 NOVEMBRE, 2023

𝐸 π‘œπ‘Ÿπ‘Ž π‘™π‘Ž β€œπ‘£π‘’π‘Ÿπ‘”π‘œπ‘”π‘›π‘Ž 𝑒 𝑖𝑙 π‘‘π‘œπ‘™π‘œπ‘Ÿπ‘’β€ 𝑑𝑒𝑖 π‘”π‘’π‘›π‘–π‘‘π‘œπ‘Ÿπ‘– π‘ π‘–π‘Žπ‘›π‘œ π‘Žπ‘›π‘β„Žπ‘’ 𝑖𝑙 π‘›π‘œπ‘ π‘‘π‘Ÿπ‘œ.
Questa Γ¨ la storia di un β€œaccanimento giuridico”, alleato della morte.

Dopo avere a lungo discusso sulla liceitΓ  dell’accanimento terapeutico”, per allungare la vita, abbiamo ora il coraggio di pronunciarci sull’accanimento giuridico che la estingue?

Sì, la morte di Indi è una vergogna, che non farà arrossire nessuno e che non restituirà ai genitori la legittima e invalicabile responsabilità di salvare dalla morte la propria figlia, di decidere se farla curare in qualunque luogo possibile del mondo.

Ed Γ¨ un dolore, la morte di Indi, che non sarΓ  lenito da nessuna onda di indignazione; nessuno chiederΓ  perdono; nessuno rivedrΓ  la propria malevola condotta.

π‘½π’†π’“π’ˆπ’π’ˆπ’π’‚!

Un figlio si mette al mondo perchΓ© viva, non perchΓ© muoia o perchΓ© qualcuno lo uccida.

E se anche non esistesse al mondo una cura che possa assicurargli un futuro, se gravemente ammalato, come nel caso di Indi, nessuno – ripeto nessuno, specie se si tratta di uno Stato che opera β€œin punta di diritto” – puΓ² impedire a due genitori di fare tutto quello che Γ¨ nelle loro possibilitΓ  per cercare ciΓ² che allunghi la vita al proprio figlio neonato.

È possibile confidare in un miracolo?
È ancora possibile che uno Stato che suole dirsi β€œlaico” conservi a due giovani genitori la libertΓ  di salvare il proprio figlio dalla morte?
Rinunziare all’accanimento terapeutico su un morente Γ¨ un assunto che si applica a un anziano, a un adulto, finanche a un giovane, ma non a un neonato!

È incredibile parlare di β€œaccanimento terapeutico” su una vita nascente, Γ¨ uno stravolgimento del β€œprincipio di realtà”: chi viene al mondo deve confinare con la vita e non con la morte!

È una vergogna avere assistito a questo ribaltamento del β€œdiritto alla vita”: siamo in presenza di un β€œaccanimento giuridico” che sentenzia, in modo irragionevole e inappellabile, la morte di una nascitura.

Fatto ancora piΓΉ grave perchΓ© questa decisione attenta al β€œdiritto alla salute”, che l’Italia ha rivendicato su una propria cittadina perchΓ©, dal 6 novembre u.s., Indi era una cittadina italiana, per decreto urgente del Governo italiano, controfirmato dal Presidente della Repubblica.

Una vergogna avere parametrato la vita di una bambina gravemente ammalata, come Indi, a β€œun inutile costo da fare sopportare a uno Stato”, che, magari, preferisce finanziare con armi mortali le guerre altrui, piuttosto che finanziare con ricerca scientifica e protocolli sperimentali la vita, la salute, il futuro della propria gente.

Indi Γ¨ un inutile costo per lo stato sociale, non valeva la pena curarla.

Una vergogna ancor piΓΉ grave a fronte della disponibilitΓ  dello Stato italiano di assumersi tutti gli oneri di presa in carico e di cura di Indi, con il supporto del Policlinico Pediatrico Cattolico β€œBambin Gesù” di Roma, eccellenza mondiale nel campo.

L’Italia avrebbe dato al mondo un segnale:

β€œla vita Γ¨ vita!”, non Γ¨ una merce, non Γ¨ un ritrovato scientifico, non Γ¨ una manipolazione giuridica, non Γ¨ proprietΓ  di istituzioni umane che superano ed esautorano la famiglia.

𝑫𝒐𝒍𝒐𝒓𝒆.

Dinanzi alla morte di un innocente si piange, il cuore deve compungersi; una ferita si apre e così languono una civiltà, una democrazia, una fede.
Che futuro umano potremo mai assicurare alle nuove generazioni, se faremo prevalere le ragioni della morte su quelle della vita?
E i cristiani – fondati sul trionfo della vita, in terra e in cielo, con il suo Autore, GesΓΉ Cristo, che si Γ¨ autodefinito β€œπ‘™π‘Ž π‘£π‘–π‘‘π‘Žβ€, nel duplice senso di β€œπ‘’π‘ π‘ π‘’π‘Ÿπ‘’ π‘™π‘Ž π‘£π‘–π‘‘π‘Žβ€ (𝑐𝑓 π‘‰π‘Žπ‘›π‘”π‘’π‘™π‘œ 𝑑𝑖 πΊπ‘–π‘œπ‘£π‘Žπ‘›π‘›π‘– 14, 6) e di β€œπ‘‘π‘Žπ‘Ÿπ‘’ π‘™π‘Ž π‘£π‘–π‘‘π‘Žβ€ (𝑐𝑓 𝐺𝑣 10, 10) – come leniscono il dolore di un mondo che ha smarrito β€œle regole del gioco” e che fa guerra alla vita: in Inghilterra con Indi, come in Palestina, nella stessa giornata di ieri, con 3 bambini che muoiono dentro un incubatore per mancanza di corrente elettrica, a causa di una guerra che fa strage di indifesi e innocenti?

Non va, non può andare così!

Il dolore per il peccato del mondo deve farci inginocchiare e chiedere perdono a Dio.
Il dolore della famiglia Gregory e di tutte le famiglie β€œvittime della ragion di Stato” deve spingerci a non fare arretrare il β€œVangelo della Vita”, che va annunciato, difeso e diffuso con maggiore convinzione e da tutti.
Il dolore che provoca ogni ingiusta morte deve farci pregare di piΓΉ, intercedere ancora di piΓΉ, farci invocare la consolazione divina per quanti soffrono ingiustizia.
Indi ora Γ¨ in Cielo.
I genitori sappiano di essere stati β€œprocreatori di angeli”.
Come Γ¨ scritto nella Sacra Bibbia:
β€œπΏβ€™π‘Žπ‘šπ‘œπ‘Ÿπ‘’ π‘“π‘Ÿπ‘Žπ‘‘π‘’π‘Ÿπ‘›π‘œ π‘Ÿπ‘’π‘ π‘‘π‘– π‘ π‘Žπ‘™π‘‘π‘œ. π‘π‘œπ‘› π‘‘π‘–π‘šπ‘’π‘›π‘‘π‘–π‘π‘Žπ‘‘π‘’ π‘™β€™π‘œπ‘ π‘π‘–π‘‘π‘Žπ‘™π‘–π‘‘π‘ŽΜ€; π‘Žπ‘™π‘π‘’π‘›π‘–, π‘π‘Ÿπ‘Žπ‘‘π‘–π‘π‘Žπ‘›π‘‘π‘œπ‘™π‘Ž, π‘ π‘’π‘›π‘§π‘Ž π‘ π‘Žπ‘π‘’π‘Ÿπ‘™π‘œ β„Žπ‘Žπ‘›π‘›π‘œ π‘Žπ‘π‘π‘œπ‘™π‘‘π‘œ 𝑑𝑒𝑔𝑙𝑖 π‘Žπ‘›π‘”π‘’π‘™π‘–β€ (πΏπ‘’π‘‘π‘‘π‘’π‘Ÿπ‘Ž π‘Žπ‘”π‘™π‘– πΈπ‘π‘Ÿπ‘’π‘– 13, 1-2).

Altri Articoli

Share This